martedì 13 dicembre 2011

Panelle e crocchè

E' tradizione a Palermo il 13 dicembre di ogni anno,  in segno di devozione a Santa Lucia, non mangiare pane e pasta perche, come narra la leggenda,  nel 1646 quando Siracusa fu colpita da una grave carestia, durante la dominazione spagnola  la Santa implorata dai palermitani esaudì le preghiere facendo arrivare nel porto un bastimento carico di grano.
I palermitani stretti nella morsa della fame da diversi mesi di carestia, non molirono il grano per farne farina, ma lo bollirono, per sfamarsi in minor tempo, aggiungendogli soltanto un filo d’olio, creando così la “cuccia”.
Da quella volta i palermitani specialmente in ambito popolare, ogni anno per devozione ricordano solennemente l’evento, rigorosamente ricorrono all’astensione per l’intera giornata dal consumare farinacei, sia pane che pasta, si preferisce mangiare riso, legumi e verdure, 

Questo  giorno che dovrebbe essere di astinenza  diventa il pretesto per consumare in abbondanza, arancine, cuccia, panelle e crocchè, le cucine  si trasformano in friggitorie e pasticcerie.

Panelle  e crocchè

Ingredienti per le panelle:
500 gr. di farina di ceci
 1 litro e mezzo di acqua
sale e pepe q.b.
prezzemolo tritato
olio per friggere
In una pentola versare la farina, 

coprirla con l'acqua, aggiungere sale, pepe e prezzemolo tritato

 e mettere sul fuoco a cuocere, 

mescolando fino a quando l'impasto non si stacca dalla pentola.

A questo punto si preparano le panelle, versando l'impasto in una pirofila o stendendola nei piattini,

 aspettare che si asciughi un pò, e toglierlo dagli stampi scelti,


 friggere in abbondante olio  caldo.

Crocchè:

patate 
formaggio grattugiato
sale e pepe
olio per friggere

Un giorno prima bollire le patate con la buccia in abbondante acqua e sale, sbucciarle e tenerle in frigo fino al giorno dopo, poi si macinano e si condiscono con abbondante formaggio grattugiato, si regolano di sale  e pepe e con piccole quantità di impasto si formano le crocchè, 


e si friggono in abbondante olio.


13 commenti:

  1. Omg this food is so good! *OM NOM NOM*

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo la storia molto interessante! Buonissime le panelle:-) baci

    RispondiElimina
  3. Ma che bella , non la sapevo questa storia , quanto mi piacciono!
    Bravissima cara
    baci!

    RispondiElimina
  4. Bella storia!!!...e ottima ricettina!...gnam gnam gnam!!!

    RispondiElimina
  5. Che squisitezzaaaa!Ho l'acquolina, io adoro le crocchette e le ho fatte solo una votla ma mi sono venute schifose :( Un bacione

    RispondiElimina
  6. e già ,oggi è proprio giornata di panelle e crocchè che anche io conosco benissimo e sono nella nostra tradizione di santa Lucia,poi vabbè in panineria li fanno tutti i giorni ma noi in casa li prepariamo in questo giorno . baci

    RispondiElimina
  7. Bella tradizione e ottime ricette...Buona serata!!!!

    RispondiElimina
  8. voglio le crocchè uffiiiiiiiii! ps. ti seguo con piacere ;)

    RispondiElimina
  9. fantastiche ricette io oggi ho preparato qualcosa per S.LUCIA

    RispondiElimina
  10. che buone,tra arancine cuccia panelle e crocchè sto rotolando:)altro che giorno di astinenza al pane e alla pasta

    RispondiElimina
  11. Un interessantissimo post..Grazie!!
    che bonta' di ricette!!
    ciaoo

    RispondiElimina
  12. Insomma da noi ognu scusa è buona per mangiare bontà simili, mi ritorna la fame solo a guardare ciò che hai preparato. Bravissima!

    RispondiElimina